mercoledì 17 marzo 2010

Mauntbatten...

Felicia...

...alba maxima...


Una curiosità: a quanto pare era la varietà più coltivata nei giardini dei nostri avi...

varietà La Ville de Bruxelles...

Sempre a proposito di fiori


A breve il calendario segnerà l'entrata della primavera e anche se il clima è ancora freddo, la mente va già ai campi fioriti, agli insetti ronzanti e, per chi ne soffre, alle allergie!

Navigando in internet mi sono imbattuta in un sito di coltivatori di rose antiche e da collezione e partendo dal dato di fatto che le rose restano il fiore per antonomasia sia da regalare sia da usare per gli allestimenti.
Le varietà sono davvero infinite e comprendono anche tipologie che agli occhi di un'inesperta come me non ricondurresti mai alla rosa così come viene intesa.
Per questa ragione posto nel blog 5 fotografie di varietà che mi hanno particolarmente colpita e che, per deformazione, mi ritrovo a guardare già posizionate in vasi, boule, piatti e su stoffe!
In foto la varietà Brother Cadfael.

giovedì 11 marzo 2010

Nuova vita ai crisantemi!


Il crisantemo, si sa, da tempo è associato al culto funebre, forse perchè sboccia nel periodo dell'anno in cui gli altri fiori non ci sono più o forse perchè la sua durata da reciso è lunga a tal punto da poter adornare per molti giorni i sepolcri prima di seccare.

Ma questo fiore, che esiste in tante varietà e colori, non può essere destinato solo alle tombe e da vari parti d'Europa giunge il vento rivoluzionario della riabilitazione del crisantemo, tanto che questo viene proposto tutto l'anno e per ogni evento, matrimonio compreso!
A dimostrazione di ciò un esempio su tutti: la Cantina di Miss Italia 2009-evento di degustazione della cultura enogastronomica italiana voluto da Patrizia Mirigliani-è stata interamente allestita con la varietà di crisantemo detta Santini, abbinata a supporti bianchi luminosi, vasi in vetro, ceri, cuscini e sedute essenziali anch'esse bianche. Il risultato? Elegante e scenografico.
Crediamo proprio che sia giunto il momento, anche in Italia, di cominciare a guardare a questo prodotto della natura con occhio nuovo!

Nb: la foto che apre quest'articolo ritrae una parte dell'allestimento floreale della Cantina di Miss Italia. Le sfere floreali di fianco ai ceri in vaso sono proprio di crisantemi!
Noi stesse, già due anni orsono, eravamo ricorse, col supporto della Nostra fiorista di fiducia, ai crisantemi bianchi per la realizzazione delle composizioni cubiche le cui foto sono già presenti in questo blog.

mercoledì 10 marzo 2010

Un simpatico regalo d'amore...


In occasione di anniversari di fidanzamento o di nozze, spesso ci si ritrova a lambiccarsi letteralmente il cervello per cercare un dono originale, economico, inusuale, romantico e chi più ne ha più ne metta.

Navigando in rete ne abbiamo trovato uno che potrebbe rispecchiare i requisiti appena indicati: si tratta del progetto Lovestone, iniziativa del Teatro Stabile di Verona per sostenere il restauro e lo sviluppo delle attività culturali del Teatro stesso.
Viene data la possibilità a tutti di incidere una frase d’amore, una dedica o una firma su una tessera di marmo, la Lovestone appunto, in cambio di una donazione a favore del Teatro Stabile.
Le tessere di marmo a disposizione del pubblico sono 60.000, hanno la dimensione di cm 5x5, sono di colore rosso Veronese e grigio Bariglio e ricoprono il pavimento della Terrazza degli Innamorati. Essa ha una superficie di 240mq ed è prospiciente il balcone più famoso al mondo: quello di Giulietta. In questo luogo, inoltre, è collocata la famosissima statua della protagonista del romanzo shakesperiano. Secondo la tradizione, toccare il seno destro di Giulietta porta fortuna. Ma il motivo storico di questo gesto che tutti fanno, ha un origine ben diversa: quando Paolo Groppo scolpì la statua, ritenne che il seno destro fosse leggermente sproporzionato al resto del corpo; per questo chiese a tutti di strofinarlo, sperando che un po' alla volta si rimpicciolisse.
Per acquistare una Lovestone basta collegarsi al sito del progetto www.lovestone.it ove sarà possibile anche visionare altre terrere già acquistate e scolpite. La copia o le copie della Lovestone originale saranno recapitate direttamente a casa dell'acquirente con un contributo aggiuntivo.
Il costo? 100 euro.
Abbiamo anche provato a fare un acquisto: dopo la solita registrazione, si passa alla generazione della mattonella. Si può scegliere tra quattro stili di scrittura e altre possibilità di formattazione. In un campo bianco si scrive il messaggio desiderato (max 80 caratteri) per verificare l'anteprima della mattonella.
Insomma...se l'idea vi piace non vi resta che procedere all'acquisto!

lunedì 8 marzo 2010

8 Marzo: festa delle donne


Per questa giornata il nostro modo di fare gli auguri è senza mimose o dolcini.
Auguriamo a tutte le donne di non vivere mai atti di violenza, soprusi, ingiustizie.
Auguriamo a tutte le donne di poter realizzare i loro piccoli e grandi sogni.
Auguriamo a tutte le donne di poter essere madri e al contempo manager senza dover necessariamente rinunciare ad uno dei due ruoli.
Auguriamo a tutte le donne di poter ricevere un sorriso ogni mattina e ogni sera, prima di chiudere gli occhi e prepararsi ad una nuova giornata.

sabato 6 marzo 2010

Ancora fiori...

Il libretto della Messa.


Per quanti decideranno di celebrare il rito nuziale in Chiesa, potrebbe rappresentare cosa gradita lasciare sui banchi i libretti messa.

Prima di prendere una tale decisione, però, è necessario accertarsi che il parroco sia daccordo.
Ciò detto ci sono delle regole base da conoscere:
se il matrimonio sarà celebrato un giorno festivo e all'orario della Messa ordinaria di quella Chiesa, gli sposi potranno chiedere di cambiare una sola lettura (ricordiamo che la liturgia della Parola classica prevede la Prima Lettura, il Salmo responsoriale e la Seconda Lettura seguita dall'Alleluia o dal Lode a Te o Cristo in periodo di Quaresima). In tutti gli altri casi, officiante permettendo, c'è abbastanza libertà nella scelta delle letture.
Altro elemento da ricordare è che in Quaresima non è permesso cantare l'Alleluia e in Avvento il Gloria. In caso di rito nuziale non è prevista alcuna eccezione!
Ciò premesso, di seguito la descrizione di un'idea di libretto messa completo che dovrà riportare, ovviamente, i nomi degli sposi, dei testimoni, del celebrante e l'indicazione della data e della Chiesa ove il rito avverrà:
-prima parte: introito, saluto e memoria del battesimo (della quale esistono tre versioni differenti).
-Gloria
-Colletta
-Liturgia della Parola (conviene che gli sposi non si occupino delle letture, a meno che non siano dei lettori abituali)
-Vangelo e omelia
-Rito del matrimonio comprendente la manifestazione e l'accoglienza del consenso, la benedizione e la consegna degli anelli e la benedizione nuziale. A proposito della manifestazione del consenso, la Chiesa prevede tre forme che riportiamo di seguito:

I FORMA
Lo/a sposo/a si rivolge alla sposa/o con queste parole:

Io N., accolgo te, N., come mia/o sposa/o.
Con la grazia di Cristo
prometto di esserti fedele sempre,
nella gioia e nel dolore,
nella salute e nella malattia,
e di amarti e onorarti
tutti i giorni della mia vita.

II FORMA
Sposo:

N., vuoi unire la tua vita alla mia,
nel Signore che ci ha creati e redenti?

Sposa:

Sì, con la grazia di Dio, lo voglio.
N., vuoi unire la tua vita alla mia,
nel Signore che ci ha creati e redenti?

Sposo:

Sì, con la grazia, di Dio, lo voglio.

Insieme:

Noi promettiamo di amarci fedelmente,
nella gioia e nel dolore,
nella salute e nella malattia,
e di sostenerci l’un l’altro tutti i giorni della nostra vita.

III FORMA

Il sacerdote, se per motivi pastorali lo ritiene opportuno, può richiedere il consenso in forma di domanda. Interroga prima lo sposo e poi la sposa rivolgendo, sostanzialmente, lo stesso quesito:

N., vuoi accogliere N. come tua/o sposa/o nel Signore,
promettendo di esserle fedele sempre,
nella gioia e nel dolore,
nella salute e nella malattia,
e di amarla e onorarla
tutti i giorni della tua vita?

Gli sposi rispondono: Sì.

Anche della benedizione delle fedi esistono varie versioni.

Terminata la benedizione nuziale si passa alla preghiera dei fedeli e, volendo, all'invocazione dei Santi. Quest'ultima prevede che gli ultimi Santi invocati siano i Patroni degli sposi.
Di qui in poi lo schema liturgico risulta essere per lo più il medesimo di una normale Messa: il Credo, l'offertorio (direttamente dall'altare o "portato" dagli sposi con l'aiuto di parenti), la preghiera Eucaristica, il rito della Comunione e della pace, la Comunione ai Fedeli. A quest'ultimo potrà seguire una preghiera degli sposi alla Madonna o di consacrazione della nuova famiglia alla Vergine Maria.
La celebrazione termina con la benedizione finale e la lettura degli articoli 143, 144 e 147 del codice civile, concernenti diritti e doveri dei coniugi.
E' molto bella l'idea di chiudere il libretto con l'inserimento di una lettura in tema e dei ringraziamenti da parte degli sposi verso i loro ospiti e l'officiante.
Un testo molto commovente che potrebbe essere inserito nelle ultime pagine è La lettera di Dio ad uno sposo:

La donna che hai al fianco, emozionata, con l'abito da sposa, è mia.
Io l'ho creata. Io le ho voluto bene da sempre; ancor prima di te e ancor più di te. Per lei non ho esitato a dare la mia vita. Te l'affido. La prenderai dalle mie mani e ne diventerai responsabile.

Quando l'hai incontrata l'hai trovata bella e te ne sei innamorato. Sono le mie mani che hanno plasmato la sua bellezza, è il mio cuore che ha messo dentro di lei la tenerezza e l'amore, è la mia sapienza che ha formato la sua sensibilità, la sua intelligenza e tutte le belle qualità che hai trovato in lei. Però non potrai limitarti a godere del suo fascino. Dovrai impegnarti a rispondere ai suoi bisogni e ai suoi desideri.

Ha bisogno di tante cose: di casa, di vestito, di serenità, di gioia, di rapporti umani, d'affetto e tenerezza, di piacere e di divertimento, di presenza umana e di dialogo, di relazioni sociali e familiari, di soddisfazioni nel lavoro e di tante altre cose...

Ma dovrai renderti conto che avrà bisogno soprattutto di Me, e di tutto quello che aiuta e favorisce quest'incontro con Me; la pace del cuore, la purezza di spirito, la preghiera, la parola, il perdono, la speranza e la fiducia in Me, la Mia vita.

La ameremo insieme. Io la amo da sempre. Tu hai cominciato ad amarla da qualche anno, da quando l'hai incontrata. Sono io che ho messo nel tuo cuore l'amore per lei.

Era il modo più bello per dirti: "Ecco te l'affido", perchè tu potessi godere della sua bellezza e delle sue qualità. Quando le hai detto: "Prometto di esserti fedele, di amarti e rispettarti per tutta la vita", è come se mi avessi risposto che sei lieto di accoglierla nella tua vita e di prenderti cura di lei.
Da quel momento siamo in due ad amarla. Anzi, ti renderò capace di amarla come Dio, regalandoti un supplemento d'amore, che trasforma il tuo amore di creatura e lo rende capace di produrre le opere di Dio nella donna che ami. E' il mio dono di nozze: quello che si chiama la grazia del sacramento del matrimonio.

Non ti lascerò mai solo in questa impresa. Sarò sempre con te e farò di te lo strumento del mio amore e della mia tenerezza; continuerò ad amare la Mia creatura, che è diventata tua sposa, attraverso i tuoi gesti d'amore

Un'idea per il matrimonio....La confettata

Un'idea per il matrimonio....La confettata
Fantasia sì...ma quanta pazienza per la realizzazione!!

Addio al Celibato Hawaiano

Addio al Celibato Hawaiano
Le nostra estrosità nell'allestimento non ha confini

I nostri allestimenti

I nostri allestimenti
Il nostro lavoro consiste anche in trasformare un ambiente fatiscente in una sala per cerimonia

Per voi il matrimonio è la tomba dell'amore?

Decorazioni Floreali

Decorazioni Floreali