venerdì 22 gennaio 2010

Oggi sposi...il film


Qualche sera fa, in compagnia di amici, abbiamo visto il film "Oggi sposi". Ne avevamo appuntato il titolo sull'agenda appena uscito perchè, dati il tema e la ns professione, non sarebbe potuto passare così...

Ci azzardiamo, quindi, senza alcuna pretesa, a fare un po' di critica della pellicola che ci ha regalato circa un'oretta di buonumore nella quale si intrecciano tematiche assolutamente attuali: la convivenza di culture agli antipodi, la questione delle intercettazioni telefoniche, l'arrivismo esasperato, la mafia.
Chi di Voi l'ha visto saprà che il film è incentrato su quattro storie: la coppia convivente di precari che decide di sposarsi ma il portafogli non permette loro di pagare il pranzo ai 72 parenti siculi di lui; il mix tra ultrasessantenne friccicherello (con figlio stakanovista e triste a seguito) e giovane pulzella di professione massaggiatrice; poliziotto pugliese strafigo e sciupafemmine, un po' "colorito" nei modi e nel parlare, innamorato di elegantissima figlia di ambasciatore indiano ed infine la coppia di vip insieme più per le telecamere che per amore.
Il finale di tutte le storie è abbastanza prevedibile. Per fortuna la massaggiatrice non si è rivelata un'approfittatrice che intendeva solo mirare ai soldi del Suo compagno attempatello. Anzi: gli ha preferito il figlio che, finalmente, conoscendola, si è liberato da tutte le rigide strutture mentali che si era creato a causa di una passata delusione d'amore che lo aveva particolarmente segnato.
La storia del poliziotto, anche se, a nostro avviso, la più simpatica, è risultata essere quella con il finale meno "a sorpresa". Un po' perchè la famiglia di lui, contadini pugliesi, viene tratteggiata attraverso la visione tipica del villico: maschilista e poco costumato. Lo stesso paese (crediamo inesistente), nel quale si svolge l'ultima scena, è composto da soggetti che indossano ancora bretelle, calzoni di fustagno e coppola. Un diversivo è la figura della madre del bel Luca Argentero: al passo con i tempi dimostrerà che è lei, in famiglia, a portare i pantaloni. Ovviamente, quasi scontato dirlo, l'interpretazione di Michele Placido è stata tra le migliori.
Infine,la storia della coppia di precari va ad allacciarsi con quella dei vip, in una situazione strampalata. Se non hai soldi perchè devi ostinarti a festeggiare secondo il classico rituale del mega-pranzo? Il motivo non è nuovo: lei è incinta e decide di suggellare l'unione, lui è meridionale, ha detto alla madre depressa che convive e quest'ultima vuole assolutamente partecipare alle nozze del figlio non senza zio Peppino, zia Mariuccia, nonno, nonna e così via. Un unico particolare è stato modificato dal figlio: la sua capacità economica. Ha detto alla mamma dalla lacrima facile di guadagnare 6000 euro al mese...
Tutto sommato non male: nessuna volgarità da cinepanettone, bravi attori, ritmo veloce. E poi...che belli i matrimoni!

Nessun commento:

Posta un commento

Un'idea per il matrimonio....La confettata

Un'idea per il matrimonio....La confettata
Fantasia sì...ma quanta pazienza per la realizzazione!!

Addio al Celibato Hawaiano

Addio al Celibato Hawaiano
Le nostra estrosità nell'allestimento non ha confini

I nostri allestimenti

I nostri allestimenti
Il nostro lavoro consiste anche in trasformare un ambiente fatiscente in una sala per cerimonia

Per voi il matrimonio è la tomba dell'amore?

Decorazioni Floreali

Decorazioni Floreali